18 ORE… UN DIRITTO SOGGETTIVO

Il dipendente vanta un vero e proprio diritto soggettivo alla fruizione dei permessi per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici sottratto quindi alla discrezionalità del dirigente.

In poche parole, il permesso si sostanzia in una mera comunicazione che il lavoratore fa al dirigente per iscritto (in genere le segreterie predispongono appositi moduli) e che quest’ultimo non può negare.

Qualsiasi diniego da parte dell’Amministrazione va documentata per iscritto.